La testimonianza di Sara e il suo modello “Artemisia”